Libro secondo - "Dei delitti in particolare"

Titolo VI (Dei delitti contro l'incolumita' pubblica)

Capo I (Dei delitti di comune pericolo mediante violenza)

codice-penale.itcodice-penale.it

Chiunque, fuori dei casi preveduti dall'articolo 285, al fine di uccidere, compie atti tali da porre in pericolo la pubblica incolumita'e'punito, se dal fatto deriva la morte di piu'persone, con l'ergastolo. Se e'cagionata la morte di una sola persona si applica l'ergastolo. In ogni altro caso si applica la reclusione non inferiore a quindici anni.

Chiunque cagiona un incendio e'punito con la reclusione da tre a sette anni. La disposizione precedente si applica anche nel caso d'incendio della cosa propria, se dal fatto deriva pericolo per la incolumita'pubblica.  

Chiunque cagioni un incendio su boschim selve o foreste ovvero su vivai forestali destinati al rimboschimento, propri o altrui, e'punito con la reclusione da quattro a dieci anni. Se nell'incendio di cui al primo comma, e'cagionato per colpa, la pena e'della reclusione da uno a cinque anni. Le pene previste dal primo e dal secondo comma, sono aumentate se dall'incendio deriva pericolo per edifici o danno su aree protette. Le pene previste dal primo e dal secondo comma sono aumentate della meta', se dall'incendio deriva un danno grave, esteso e persistente all'ambiente.

Chiunque, al solo scopo di danneggiare la cosa altrui, appicca il fuoco a una cosa propria o altrui e'punito, se del fatto sorge pericolo di un incendio, con la reclusione da sei mesi a due anni. Se segue l'incendio, si applicano le disposizioni dell'articolo 423 , ma la pena e'ridotta da un terzo alla meta'. Se al fuoco appiccato a boschi, salve o foreste, ovvero vivai forestali destinati al rimboschimento, segue incendio, si applicano le pene previste dall'articolo 423 bis.

Nei casi preveduti dagli articoli 423 e 424, la pena e'aumentata se il fatto e'commesso: 1) su edifici pubblici o destinati a uso pubblico, su monumenti, cimiteri e loro dipendenze; 2) su edifici abitati o destinati a uso di abitazione, su impianti industriali o cantieri, o su miniere, cave, sorgenti, o su acquedotti o altri manufatti destinati a raccogliere e condurre le acque; 3) su navi o altri edifici natanti, o su aeromobili; 4) su scali ferroviari o marittimi, o aeroscali, magazzini generali o altri depositi di merci o derrate, o su ammassi o depositi di materie esplodenti, infiammabili o combustibili; 5) abrogato.