Libro secondo - "Dei delitti in particolare"

Titolo XI (Dei delitti contro la famiglia)

Capo I (Dei delitti contro il matrimonio)

codice-penale.itcodice-penale.it

Chiunque, essendo legato da matrimonio avente effetti civili, ne contrae un altro, pur avente effetti civili, e'punito con la reclusione da uno a cinque anni. Alla stessa pena soggiace chi, non essendo coniugato, contrae matrimonio con persona legata da matrimonio avente effetti civili. La pena e'aumentata se il colpevole ha indotto in errore la persona, con la quale ha contratto matrimonio, sulla liberta'dello stato proprio o di lei. Se il matrimonio, contratto precedentemente dal bigamo, e'dichiarato nullo, ovvero e'annullato il secondo matrimonio per causa diversa dalla bigamia, il reato e'estinto, anche rispetto a coloro che sono concorsi nel reato, e, se vi e'stata condanna, ne cessano l'esecuzione e gli effetti penali.  

Il termine della prescrizione per il delitto preveduto dall'articolo precedente decorre dal giorno in cui e'sciolto uno dei due matrimoni o e'dichiarato nullo il secondo per bigamia.  

Chiunque, nel contrarre matrimonio avente effetti civili, con mezzi fraudolenti occulta all'altro coniuge l'esistenza di un impedimento che non sia quello derivante da un precedente matrimonio e'punito, se il matrimonio e'annullato a causa dell'impedimento occultato, con la reclusione fino a un anno ovvero con la multa da euro 206 a euro 1. 032.  

La moglie adultera e'punita con la reclusione fino a un anno (1). Con la stessa pena e'punito il correo dell'adultera (1). La pena e'della reclusione fino a due anni nel caso di relazione adulterina (2). Il delitto e'punibile a querela del marito (2). (1) Con sentenza n° 126 del 19 dicembre 1968 la Corte cosituzionale ha dichiarato l'illegittimita'del primo e del secondo comma. (2) Con sentenza n° 147 del 3 dicembre 1969 la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimita'del terzo e del quarto comma.  

Il marito che tiene una concubina nella casa coniugale, o notoriamente altrove, e'punito con la reclusione fino a due anni. La concubina e'punita con la stessa pena. Il delitto e'punibile a querela della moglie. * *(Con sentenza n° 147 del 3 dicembre 1969 la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimita'di questo articolo).